Seguiteci:

viale Giovanni da Cermenate, 4 - 20141 Milano - Tel 02.8435643

Dal 1952 educhiamo alla vita

PAROLE del TEMPO FAVOREVOLE

QUARESIMA2020
SECONDARIA di I grado
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Gli insegnanti di religione hanno chiesto ai ragazzi di raccontare la loro Quaresima concentrandosi su una parola o frase.
Questa settimana è “SIATE FIORI CHE CANTANO, IRRADIATE LA GIOIA…”

DIFFONDERE IL PROFUMO DI UN SORRISO VERSO UNA PERSONA CARA!

Ecco le risposte arrivate:

Oggi ho fatto una videochiamata a mia nonna e ho scherzato con lei e con mio nonno e li ho fatti ridere perchè erano un po tristi perchè non riusciamo ad incontrarci come prima.
Un grande saluto a tutti.
(Dimitri Belloni – II B)

Profumo di pane, profumo di amicizia!!!
(Simone Corti – III A)

Io, in questo periodo, non voglio essere triste, anche se è molto difficile non esserlo, ma positivo e allegro, anche in questa situazione, poiché voglio far sorridere e rendere felice le persone a casa, magari, da sole o che hanno un parente vittima di tale virus, per rassicurare tutti e per diffondere il profumo di gioia. Secondo la mia opinione, noi a casa non possiamo essere tristi o giù di morale, altrimenti la situazione non migliorerà mai, lo so che è tutto nelle mani dei medici che stanno disperatamente cercando un vaccino o una medicina in grado almeno di eliminare in parte il virus, ma anche noi possiamo dare un piccolo contributo che può fare la differenza, sommate a tutti gli altri, in questa guerra, quindi io cercherò di avere sempre il sorrise e, soprattutto, di trasmettere la mia allegria alle altre persone!!!
NOI CE LA FAREMO, INSIEME!!!
(Nicolò Sardone – III B)

Ieri ho fatto sorridere la zia, la nonna, la mamma e il papà. Fortunatamente, anche se eravamo lontani, grazie alla video chiamata eravamo vicini.
È una cosa importante in momenti difficili come questi.
Ho fatto ridere tutti perché ho raccontato una barzelletta stupida ma divertente.
(Tommaso Pasquini – I A)

Giocare con mia sorella, ridere, godere di piccoli momenti felici e sentirmi grata perché in questo periodo così difficile siamo in salute.
Le mie priorità oggi sono davvero diverse da quelle di ieri…
(Lavigna Longhi – II B)

Tra le cose  che ho fatto in questi giorni, ho dedicato  un po’ di tempo anche a me stessa rendendomi felice con qualcosa che mi facesse stare bene e scaricare un po’ i pensieri…la ginnastica. Le prime volte ho fatto molta fatica e non ero contenta di quello che facevo, ma poi giorno per giorno ho iniziato a migliorare e anche i miei genitori mi hanno fatto i complimenti…ora la ginnastica la faccio molto più volentieri, soprattutto perché la facciamo tutti e quattro insieme guardando un’app. Anche in questi momenti io e la mia famiglia ci divertiamo un mondo, perché alcune volte ci sono delle posizioni strane o nomi strani e poi quando iniziano a bruciare i muscoli moriamo dalle risate. Alcuni dicono che non ne possono più di stare a casa, io invece credo che questi momenti ci stiano servendo per goderci al meglio la nostra famiglia e per rafforzare ancora di più il nostro LEGAME PREZIOSO.
(Martina Lopez – I B)

Martedì sera ho aiutato una mia amica che ho conosciuto al mare, mi ha scritto dicendomi che era triste a causa del corona virus, e per questo non poteva vedere sua nonna che stava male, quindi, l’ho rassicurata e con poche parole sono riuscita a farla sorridere e ciò ha reso felice anche me.
(Alice Ziffarelli – III A)

Questo periodo io lo sto affrontando comunque con il sorriso anche grazie ai miei amici che mi fanno divertire e ridere.
Ringrazio tutte le persone che mi stanno facendo vivere bei momenti anche in questa situazione un po’particolare
(Carlotta Starni – II B)

 Ho cercato di far sorridere di più la mia famiglia.
(Alessandro DeLuca – III B)

In questa settimana ho cercato di tirare su il morale della mia famiglia, guardando film comici, pensando positivo ecc. Di solito non passo mai tanto tempo con mio papà e in questo periodo stiamo molto insieme. Ridiamo e scherziamo e questa cosa mi rende troppo felice. Quando tutto questo finirà cercherò di godermi di più i momenti con lui e viverli al massimo.
A volte mi chiedono cosa mi rende felice.
Beh, io non sapevo rispondere ma ora ho capito che la cosa che più mi fa felice è vedere i miei genitori felici.!
(Emma Barbieri – III A)

In questi giorni in cui siamo obbligati a stare a casa mi rendo utile aiutando i miei genitori ad apparecchiare la tavola, a tagliare l’erba del giardino, a sistemare la spesa e sistemando la mia camera. Queste azioni fanno sorridere e rendono molto felici i miei genitori perché normalmente non ho tempo per farlo visto che sono a scuola fino al pomeriggio e sono occupato con i compiti e con le attività sportive. Anche io sono contento di potermi rendermi utile alla mia famiglia; questo virus, che continua a causare problemi e sofferenze, ci ha però dato la possibilità di ricordarci quanto è bello stare insieme e poterci aiutare l’un l’altro.
(Samuele Martellota – I B)

Oggi ho fatto sorridere: in questo periodo i miei genitori hanno molto lavoro quindi a volte preparo io il pranzo con dei piatti nuovi e buonissimi, ciò fa venire il sorriso ai miei genitori e a me, ci consoliamo con il cibo.
(Marco Petrucciani – I A)

Oggi ho cosparso profumo di gioia cucinando per tutta la mia famiglia: una cheesecake e dei cookies. Ho apparecchiato la tavola prima di andare a pranzo e a cena ma questo non è l’unico modo in cui si sparge il profumo di gioia. Il profumo di gioia cosparge tutti noi, quando riusciamo a credere in qualche cosa. Io personalmente, ho ascoltato il discorso del Papa e ho dedotto che affidandoci al Signore, possiamo affrontare tutto con molto più coraggio. Gesù si è affidato al Signore quindi anche noi dobbiamo fare lo stesso. Cosa c’entra la gioia con il Signore? Semplice: il Signore è la gioia. Prima dobbiamo avere la gioia dentro di noi e poi diffonderla verso gli altri. In questa realtà molto complessa dobbiamo riuscire ad affidarci al Signore e continuare a spargere gioia, come fa Lui. Con un piccolo gesto possiamo cambiare la giornata di una persona: in bene o in male. Bisogna cercare di fare sempre il bene per gli altri. Come il Signore lo fa con noi tutti. Io, ne sono certa, ho cosparso della gioia: chiamando dei parenti e cercando di essere una persona migliore.
(Arianna Ersiliano – III A)

In questo periodo ho capito che basta poco per essere felici…
(Mattia Milani – I A)

Cerco di portare un bel profumo di gioia ai miei parenti soprattutto ai miei nonni che abitano lontano da me e visto che in questo periodo non ci possiamo vedere molto spesso facciamo delle videochiamate per farli felici e siamo distanti ma siamo anche uniti.
(Federico Bartolotta – II A)

Faccio sempre sorridere i nonni perché gli mando fotografie di quando faccio il pagliaccio.
(Luca Combi – II A)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *